Star Trek: Voyager - A Celebration

Star Trek: Voyager - A Celebration è un libro pubblicato dalla Eaglemoss Colletcion/Hero Collection/Penguin Random House, uscito il 24 novembre 2020. Scritto da Ben Robinson e Mark Wright, è stato realizzato per commemorare il 25° anniversario di Star Trek: Voyager, la cui prima stagione risale al 1995.

La serie televisiva di Star Trek: Voyager, ambientata negli anni Settanta del 24° secolo, andò per la prima volta in onda con l'episodio pilota intitolato Dall'altra parte dell'universo (Caretaker) il 16 gennaio 1995, andando avanti per sette stagioni e ben 172 episodi, fino al 2001. La serie narrava le vicende della U.S.S. Voyager, vascello federale di classe Intrepid ritrovatosi a 70.000 anni luce dal Quadrante Alpha, dai territori della Federazione Unita dei Pianeti e dalla Terra, a cui comunque torneranno ben prima di quanto inizialmente previsto.

Il manuale presenta dettagliatissime informazioni riguardanti il vascello scientifico, il suo equipaggio, gli episodi chiave, le razze aliene popolanti il Quadrante Delta e i pericoli affrontati, le catchphrase (mi sto riferendo, in particolare, al ricorrente I'm a Doctor, not a... in onore del Dottor Leonard "Bones" McCoy), e poi la writing room, il dipartimento artistico, il concept della nave e così via.

In lingua inglese, non presente in edizioni tradotte in altre lingue (almeno per il momento), è un testo molto ricco di informazioni e dettagli e particolarmente interessante, arricchito anche da illustrazioni e immagini ad alta definizione a colori dei protagonisti, di alcuni degli alieni presentati durante le vicende della serie e di alcune bozze per gli interni e per la realizzazione della Voyager, fino alla sua creazione finale.

Per gli appassionati dell'universo di Star Trek, il manuale è assolutamente da comprare, appaiandolo al volume dedicato specificatamente ai blueprints della U.S.S. Voyager (Star Trek: Voyager The U.S.S. Voyager NCC-74656 Illustrated Handbook) che vi presenterò, prossimamente, in un altro articolo.

Commenti

  1. mitica questa saga eterna, la rivedrei all'infinito ed oltre

    RispondiElimina
  2. Avevo due sale giochi che portavano i nomi delle due navi di Star Trek, Enterprise e Voyager. Indubbiamente anche se non tradotto in inglese, resta un pezzo da collezione per poter ammirare l’universo della serie da altri punti di vista, un bel pezzo davvero.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

[Recensione] Full Circle Project (Star Trek: Voyager) - Kirsten Beyer

[Recensione] TREK IT! - La vera storia degli appassionati di Star Trek in Italia

[STAR TREK: DEEP SPACE NINE] IL CERCHIO INFRANTO