[Recensione] Typhon Pact (Star Trek crossover) - AA.VV.

La serie di Star Trek: Typhon Pact è composta da un totale di ben otto romanzi, le cui vicende si concentrano sui postumi degli eventi narrati nella trilogia di Star Trek: Destiny, scritta da David Mack. Tra gli autori dell'antologia possiamo trovare lo stesso David Mack, David R. George III, Michael A. Martin, Dayton Ward, Una McCormack e Christopher Bennett.

Protagonisti dei romanzi sono i personaggi a cui abbiamo avuto modo di affezionarci durante la messa in onda delle puntate di Star Trek, con una sorta di crossover tra la Serie Classica, The Next Generation, Voyager e Deep Space Nine, con il Capitano William Riker al comando della Titan; Spock impegnato nel tentativo di riappacificazione di Romulani e Vulcaniani; il Capitano Picard e il suo equipaggio impegnati in estenuanti trattative diplomatiche; il Capitano Ezri Dax e il Dottor Julian Bashir assegnati a missioni sotto copertura.

Il titolo della serie, Typhon Pact, deriva dal nome di un'alleanza di specie aliene formatasi per contrapporsi alla Federazione (e i suoi alleati) che vede, tra i suoi ranghi, potenze quali l'Impero Stellare Romulano, la Confederazione Breen, l'Assemblea Toliana, l'Egemonia Gorn, gli Tzenkethi e il Sacro Ordine di Kinshaya (alleanza introdotta nel romanzo A Singular Destiny scritto da R.A. DeCandido e pubblicato nel 2009).

Zero Sum Game (DS9-Aventine) di David Mack

Dalla quarta di copertina: Una spia dell'alleanza Typhon Pact - nuovo rivale politico della Federazione - ruba i piani del più recente progresso tecnologico della Flotta Stellare: il motore slipstream. Per impedire che ne vengano svelati i segreti, l'Intelligence della Flotta Stellare recluta una coppia di agenti geneticamente potenziati: il Dottor Julian Bashir, Ufficiale Medico Capo di Deep Space 9, e Sarina Douglas, una donna il cui talento Bashir ha contribuito a realizzare e che Bashir considera il suo grande amore perduto da tempo.

Bashir e Douglas sono inviati a infiltrarsi tra i ranghi della misteriosa specie conosciuta come i Breen, a trovare il progetto sottratto e nascosto e a distruggerlo. Nel frattempo, ad anni luce di distanza, il Capitano Ezri Dax e il suo equipaggio a bordo della U.S.S. Aventine giocano un pericoloso gioco del gatto e del topo con una flottiglia inviata proprio dall'alleanza avversa, che si frappone tra loro e il sicuro recupero di Bashir e Douglas dal territorio Breen.

Seize the Fire (TNG-Titan) di Michael A. Martin

Dalla quarta di copertina: Poco dopo la sorprendente rivelazione che vede l'Egemonia Gorn unirsi a un'alleanza dei più acerrimi nemici della Federazione - una coalizione di potenze galattiche nota come Typhon Pact - la stessa Egemonia Gorn subisce un disastro ecologico. Fortunatamente, i Gorn avevano già indagato sulle tracce di un'antica ma potente tecnologia di "terraformazione rapida" lasciata da una razza scomparsa da tempo - una civiltà morta che potrebbe essere responsabile dell'abitabilità di molti dei mondi sulla frontiera Gorn e oltre. Quando anche la U.S.S. Titan inizia a cercare questa potente tecnologia, nella speranza di usarla per curare le numerose e gravi ferite subite dalla Federazione in seguito agli scontri contro i Borg, non è chiaro quanto possa essere pericolosa una tecnologia così potente da alterare i pianeti, anche se usata con le migliori intenzioni...

Rough Beasts of  Empire (DS9-Robinson) di David R. George III

Dalla quarta di copertina: Ancora su Romulus per perseguire il suo obiettivo di riunificare i Vulcaniani e i Romulani, Spock si trova nel mezzo di una massiccia lotta di potere. In seguito all'assassinio del Pretore e del Senato, i Romulani si sono spaccati in due. Mentre l'Imperatrice Donatra ha guidato il suo nascente Stato Imperiale Romulano a stabilire relazioni con la Federazione, il Pretore Tal'aura ha guidato l'originario Impero Stellare Romulano verso l'adesione all'appena formato Typhon Pact. Ma numerose fazioni all'interno delle due nazioni romulane si contendono il potere e la leadership indivisa, e trame machiavelliche si sviluppano mentre le forze all'interno e all'esterno degli imperi conducono manovre politiche ad alta posta in gioco.

Nel frattempo, quattro anni dopo il ritorno di Benjamin Sisko dal Tempio Celeste, le circostanze sono cambiate e le sue speranze di una vita pacifica su Bajor con sua moglie e sua figlia cominciano a svanire. Dopo essersi riunito temporaneamente alla Flotta Stellare per la battaglia contro i Borg, deve prendere in considerazione l'offerta di farlo tornare in servizio per un periodo più lungo. Assalito da eventi preoccupanti, cerca una guida spirituale, affrontando demoni nuovi e vecchi, compresi i difficili ricordi del suo periodo nell'ultima guerra Federazione-Tzenkethi.

Paths of Disharmony (TNG-Enterprise) di Dayton Ward

Dalla quarta di copertina: In una missione diplomatica sul pianeta Andor, il Capitano Picard e l'equipaggio dell'Enterprise-E sono testimoni dell'imponente devastazione derivante dall'invasione dei Borg. Con i problemi riproduttivi che da tempo affliggono il popolo andoriano, che hanno raggiunto un ormai un alto livello di crisi, le vie di ricerca che all'inizio erano molto promettenti si sono rivelate in gran parte inutili, e potrebbero addirittura peggiorare il problema.

Nonostante l'apparente incapacità della Federazione di fornire assistenza e i crescenti dubbi sul suo impegno verso un fedele alleato di lunga data, gli scienziati andoriani offrono ora una rinnovata speranza di soluzione. Tuttavia, molti segmenti della società andoriana stanno protestando contro questo nuovo approccio controverso, e le sette più radicali stanno iniziando a far conoscere il loro disappunto con ogni mezzo disponibile. In risposta, il presidente Nanietta Bacco ha inviato l'equipaggio dell'Enterprise e una squadra di diplomatici e scienziati su Andor per convocare un summit, nella speranza di dimostrare che l'impegno della Federazione ad aiutare Andor è sincero.

Ma il Typhon Pact sta osservando, e la loro presenza potrebbe portare il popolo andoriano su una strada ancora più infida...

The Struggle Within (TNG-Enterprise) di Christopher L. Bennett

Dalla quarta di copertina: L'Enterprise-E è in missione diplomatica presso la Repubblica Talariana, ultima resistenza negli sforzi della Federazione per espandere gli accordi di Khitomer in risposta all'emergere dell'alleanza del Typhon Pact. Sulla scia della recente secessione di Andor, la Federazione è più che mai preoccupata nel voler rafforzare le sue alleanze. I Talariani sono stati, nel migliore dei casi, contemporaneamente un tenue e un potenziale partner, data la storia di conflitto e diffidenza tra loro e la Federazione. Ma i negoziati tra Picard e i Talariani sono interrotti da una crescente protesta pubblica di coloro che chiedono maggiori diritti - e in breve tempo, diventa chiaro che i dissidenti non si stanno limitando a mezzi non violenti...

Plagues of Night (DS9-Robinson) di David R. George III

Dalla quarta di copertina: Sulla scia dell'invasione finale dei Borg, che ha distrutto interi mondi, è costata la vita a sessantatré miliardi di persone e ha inferto un duro colpo alla Flotta Stellare, sei nazioni nemiche della Federazione Unita dei Pianeti - l'Impero Stellare Romulano, la Confederazione Breen, l'Assemblea Tholiana, l'Egemonia Gorn, la Coalizione Tzenkethi e il Sacro Ordine dei Kinshaya - si sono unite per formare il cosiddetto Typhon Pact.

Per quasi tre anni, la Federazione e l'Impero Klingon, alleati secondo quando previsto dagli Accordi di Khitomer, si sono confrontati con la nascente coalizione a livello di guerra fredda. Ma mentre la Flotta Stellare si ricostruisce, le fazioni all'interno dell'alleanza avversaria diventano sempre più agguerrite, preoccupate per la loro incapacità di sviluppare un motore quantico all'altezza di quello della Federazione. Riusciranno leader come il Presidente della Federazione Unita dei Pianeti Nan Bacco e il Pretore Kamemor dell'Impero Stellare Romulano a sottoscrivere una pace duratura nei quadranti Alfa e Beta, o la guerra fredda tra le due alleanze si intensificherà e forse sfocerà in una guerra in campo aperto?

Raise the Dawn (DS9-Robinson) di David R. George III

Dalla quarta di copertina: Dopo i disastrosi eventi accaduti all'interno del sistema bajoriano, il Capitano Benjamin Sisko deve affrontare le conseguenze delle recenti scelte che ha fatto nella sua vita. Allo stesso tempo, la Federazione Unita dei Pianeti e gli alleati firmatari degli Accordi di Khitomer sono arrivati sull'orlo della guerra con l'alleanza del Typhon Pact.

Mentre le fazioni all'interno dell'Alleanza avversaria hanno utilizzato senza successo i recenti gesti di buona volontà - l'apertura delle frontiere e una missione esplorativa congiunta Federazione-Romulani - per sviluppare la propulsione slipstream, non hanno rinunciato ai loro obiettivi. Impiegando una vasta gamma di risorse, da Romulus a Cardassia, da Ab-Tzenketh a Bajor, si imbarcano in un nuovo pericoloso piano per acquisire la tecnologia di cui hanno bisogno per prendere il controllo dei quadranti Alfa e Beta. Mentre il presidente della Federazione Unita dei Pianeti Nan Bacco e il Pretore romulano Kamemor lavorano febbrilmente per ristabilire la pace, i Capitani Ben Sisko, Jean-Luc Picard e Ro Laren sono in prima linea nel conflitto... anche se un nuovo pericolo minaccia il tunnel bajoriano che, ancora una volta, diventa ancora una volta un punto critico della storia galattica.

Brinkmanship (TNG-Enterprise) di Una McCormack

Dalla quarta di copertina: La Venette Convention è sempre rimasta indipendente, ma sta per diventare il punto d'incontro di un teso stallo militare tra i due blocchi di potere che ora dominano lo spazio interstellare: la Federazione Unita dei Pianeti e il Typhon Pact, di recente formazione. Il governo in questione si rivolge alla Coalizione Tzenkethi per la protezione nel nuovo ordine, e ha accettato di concedere tre delle loro basi di rifornimento per l'uso Tzenkethi. Ma queste basi - se militarizzate - metterebbero le armi Tzenkethi inaccettabilmente vicine allo spazio della Federazione, dei Cardassiani e dei Ferengi.

Mentre il Capitano Ezri Dax e l'equipaggio della U.S.S. Aventine sono inviati a indagare su ciò che sta accadendo in una delle basi Venette, il Capitano Jean-Luc Picard e la U.S.S. Enterprise sono assegnati a una missione diplomatica al mondo natale Venette, al fine di mediare una risoluzione reciprocamente accettabile. Ma i delegati cardassiani non sembrano particolarmente entusiasti di usare la diplomazia per risolvere la situazione, che presto rischia di andare fuori controllo e verso una guerra totale...

---------------

Grande appassionata di Star Trek e di libri, come immagino abbiate ormai ben capito, non potevo farmi sfuggire anche questa serie di romanzi, le cui vicende si collocano tra la trilogia di Star Trek: Destiny di David Mack e Singular Destiny di R.A. DeCandido da un lato e la serie di Star Trek: The Fall dall'altro. Ho trovato molto interessante il lavoro corale dei vari autori che si sono dati il cambio nel comporre la serie che ora porta il nome di Typhon Pact, ognuno dei quali mostrando anche una profonda conoscenza dell'universo Trek che ha permesso loro di creare un'opera immensa e assolutamente godibile.

Ha fatto piacere rivedere alcuni personaggi i cui destini erano rimasti incerti, come nel caso di Ro Laren, ora Ufficiale Comandante di Deep Space 9, che alla fine di Star Trek: The Next Generation aveva lasciato la Flotta per unirsi alla causa dei Maquis, prendendo di sorpresa primo tra tutti il Capitano Picard, suo mentore a bordo dell'Enterprise.

Ammetto di aver avuto qualche "difficoltà" in più ad affrontare i romanzi dedicati esclusivamente (o quasi) al personaggio di Benjamin Sisko, ritornato nella "nostra" dimensione dopo quattro anni passati all'interno del Tempio Celeste, richiamato in servizio attivo per lo scontro con i Borg e poi inviato a comandare la U.S.S. Robinson, vascello federale di classe Galaxy. Ma tale "difficoltà", se così la si vuol chiamare, è data soprattutto dal fatto che Benjamin Sisko non rientri nel novero dei miei personaggi preferiti, più che dalla tipologia di scrittura degli autori, che invece ho particolarmente apprezzato.

Gli strascichi degli scontri con i Borg si fanno ancora e inevitabilmente sentire, con la Federazione che si ritrova ad affrontare anche non pochi problemi interni (come la secessione di Andor) ed esterni (come la creazione di un'alleanza che prende il nome di Typhon Pact), con il processo di terraformazione di nuovi pianeti e le procedure di ricollocazione dei rifugiati su pianeti alternativi, la creazione di nuove colonie e via così.

Con la formazione di questa nuova coalizione avversa alla Federazione e all'Impero Klingon (i firmatari originali degli Accordi di Kithomer) si cercano anche nuovi alleati, al punto che vedremo potenze come l'Alleanza Ferengi, lo Stato Imperiale Romulano, l'Unione Cardassiana e la Repubblica Talariana venir contattati (e, nella maggior parte dei casi, accettare) per unirsi alla Federazione e ai Klingon e far fronte comune.

Serie letteraria assolutamente da leggere, alla pari con Star Trek: Destiny e Star Trek: Cold Equations di David Mack e la serie The Fall, che segue le vicende dei protagonisti della serie Typhon Pact proseguendo idealmente le vicende dal romanzo Brinkmanship di Una McCormack.


Commenti

  1. Anche questi libri sono purtroppo solo in inglese. Ogni volta che sforni qualche titolo mi metto subito in cerca, che si sa mai che é uscito e mi é sfuggito (ad ognuno le sue illusioni.. ci provo sempre ma niente) questa serie mi sarebbe piaciuta particolarmente.

    RispondiElimina
  2. Ho sempre amato i crossover. L'idea che tutti gli equipaggi di Star Trek, o almeno una parte di essi, si incontrino mi fa brillare gli occhi. La recupererò di sicuro!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

[Recensione] Full Circle Project (Star Trek: Voyager) - Kirsten Beyer

[Recensione] TREK IT! - La vera storia degli appassionati di Star Trek in Italia

[STAR TREK: DEEP SPACE NINE] IL CERCHIO INFRANTO