[Recensione] The Lives of Dax (Star Trek: Deep Space Nine) - Marco Palmieri, a cura di

The Lives of Dax è una antologia di racconti edita e curata da Marco Palmieri per la Pocket Books, pubblicata nel 1999 (anno in cui Deep Space Nine andò in onda con la stagione conclusiva della serie). Presenta al proprio interno una decina di racconti, di cui due dedicati a Ezri (i quali aprono e chiudono l'antologia), tra i cui autori sono presenti le penne di Steven Barnes, Michael Jan Friedman, L.A. Graf, Jeffrey Lang, S.D. Perry, Judith e Garfield Reeves-Stevens, Kristine Kathryn Rusch, Robert Simpson e Susan Wright.

Second Star to the Right... (Ezri Dax) - Judith e Garfield Reeves-Stevens

Deep Space Nine, 2375 (computo terrestre).

Ezri Dax, il giovane Consigliere di Deep Space Nine, si ritrova a vagare in solitaria all'interno del programma olografico di Vic Fontaine, ambientato nella città di Las Vegas del 1962, riflettendo su quanto ancora le risulti difficile abituarsi al proprio simbionte e ai ricordi di ben otto precedenti ospiti.
Raggiunta, a un certo punto, dallo stesso ologramma del cantante, i due intavolano una interessante discussione che li porta a parlare anche del simbionte Dax e del suo trapianto d'emergenza nell'allora Guardiamarina Ezri Tigan, in quanto unica Trill presente a bordo della U.S.S. Destiny.

First Steps (Lela Dax) - Kristine Kathryn Rusch

Trillius Prime, post-1063 (computo terrestre).

Lela Dax, primo ospite del simbionte Dax, è l'unica donna a far parte del Consiglio Trill a causa del bigottismo che ancora caratterizza la sua specie. I Trill, dopo il primo contatto con i Vulcaniani, hanno perseguito una politica isolazionista, con l'obiettivo di proteggere il loro segreto più grande: i simbionti. Ma un incontro ravvicinato con una specie aliena poco propensa a rispettare i propri vicini porterà il Consiglio Trill a rivalutare la propria politica intergalattica.

Dead Man's Hand (Tobin Dax) - Jeffrey Lang

Il secondo ospite del simbionte Dax, Tobin, è un ingegnere Trill "dolorosamente timido, introverso, con una certa mancanza di fiducia [in sé stesso]" e ben poca immaginazione, come avrebbero ricordato qualche secolo dopo il Dottor Bashir e il Comandante Jadzia Dax, il quale riuscì a evitare che una squadra di sbarco romulana mettesse le mani sopra il primo prototipo di motore a curvatura creato in concerto con Vulcaniani e Umani.

Old Souls (Emony Dax) - Michael Jan Friedman

Un giovane Leonard McCoy incontra il terzo ospite del simbionte Dax, Emony, ginnasta di una certa caratura che è diventata giudice per le competizioni ginniche intra-specie. Alla fine di una gara, McCoy riesce a invitare fuori la Trill la quale, dopo una serata ricca di sorprese, gli rivela il segreto che lei e la sua gente celano ancora alle altre razze aliene, sostanzialmente spiazzando il ragazzo: il fatto che alcuni di loro abbiano e coesistano con un simbionte.

Sins of the Mother (Audrid Dax) - S.D. Perry

Audrid Dax, per decenni a capo della Commissione di Simbiosi, scrive una lettera piena di rimpianti alla figlia maggiore, trovando finalmente il coraggio di raccontarle in che modo il padre fosse morto qualche decennio prima. Nonostante le difficoltà sorte negli ultimi anni tra madre e figlia, difficoltà che causarono un allontanamento reciproco, le due donne finalmente riescono a riappacificarsi.

Infinity (Torias Dax) - Susan Wright

Torias Dax è un giovane e abilissimo pilota che lavora con un gruppo di scienziati, tra cui sua moglie Nilani Kahn, nel testare una propulsione a transcurvatura che, presumibilmente, raggiungerà e addirittura supererà la curvatura 10.
Anche se gli scienziati hanno osservato alcune fluttuazioni di energia potenzialmente pericolose nelle simulazioni, molti dignitari della Flotta Stellare, tra cui l'ammiraglio Kirk, si presentano per vedere il test conclusivo.
Torias e gli scienziati decidono che anche se le fluttuazioni di energia, che sono in un margine di errore sicuro, si rivelassero pericolose, Torias potrà contare su di un dispositivo di teletrasporto che si prenderà cura di qualsiasi problema. Quando l'Infinity, lo shuttle impiegato per il test, va a curvatura, le fluttuazioni portano il mezzo a esplodere.
Sebbene il teletrasporto di emergenza riesce a fare il proprio lavoro, i medici, pur essendo in grado di salvare Dax, non possono salvarne l'ospite, e Nilani assiste con orrore alla sua morte.

Allegro Ouroboros in D Minor (Joran Dax) - S.D. Perry e Robert Simpson

Joran Dax, l'ospite rinnegato del simbionte Dax, è un musicista molto dotato che vive e lavora su Trill: Torias, il precedente ospite del simbionte, è morto quasi sei mesi prima e la Commissione Simbiosi si è ritrovata costretta a un trapianto di emergenza, in attesa di trovare un ospite più adatto (in quanto Joran Belar non era stato valutato adatto per l'unione). Quando una serie di omicidi disturba la quiete su Trillius Prime, le indagini conducono niente meno che a Joran, il quale muore in una colluttazione e al simbionte verranno bloccati i ricordi di quei sei mesi.

The Music Between the Notes (Curzon Dax) - Steven Barnes

Curzon Dax, il settimo ospite del simbionte Dax, è uno dei diplomatici più abili al servizio della Federazione Unita dei Pianeti. Durante alcune trattative diplomatiche sulla Stazione Pelios, volte a far entrare nella Federazione i Bactricani, il giovanissimo Guardiamarina Benjamin Sisko serve come aiutante e assistente di Curzon.

Reflections (Jadzia Dax) - L.A. Graf

La U.S.S. Defiant, di ritorno da una missione impegnativa, compie una deviazione verso Trillius Prime, dove è richiesta la presenza del Tenente Comandante Jadzia Dax, ufficiale scientifico di Deep Space Nine e pilota della nave stellare. Lì scopre che la sorella, Ziranne, si è accidentalmente unita con un simbionte e che, non riuscendo a gestire il flusso di ricordi e di personalità dei precedenti ospiti, ha tentato il suicidio.

...and stright on 'til morning (Ezri Dax) - Judith e Garfield Reeves-Stevens

Ezri Dax finisce di raccontare a Vic Fontaine il passato degli ospiti di Dax, compreso un dettaglio della vita di Jadzia. Dopodiché, i due si separano, ognuno andando per la propria strada.

Opinione personale. Il personaggio di Jadzia Dax, che vediamo nelle prime sei stagioni di Deep Space Nine prima di essere sostituito da quello di Ezri Dax all'inizio della settima e ultima stagione della serie, è sicuramente uno dei miei preferiti all'interno del franchise di Star Trek. Motivo per il quale ho voluto leggere questa antologia di racconti: non potevo di certo farmelo mancare.

Ho apprezzato parecchio, a livello generale, questa antologia di racconti, che permette di approfondire uno dei personaggi, a mio avviso, meglio riusciti dell'intero franchise. Tutti gli ospiti di Dax, a partire da Lela fino ad arrivare a Jadzia, sono ben delineati, cosa che ci permette di avere uno sguardo più approfondito su scampoli della vita "precedente" del simbionte.

Andando nello specifico, i due racconti che mi sono forse piaciuti di meno sono quelli dedicati a Joran, l'ospite rinnegato di Dax, e Curzon, uno degli ambasciatori più importanti non solo di Trill, ma di tutta la Federazione, e vecchio mentore di Benjamin Sisko.
Nel primo, abbiamo l'elaborazione della vicenda da due punti di vista: quello di Joran e quello di un ispettore della polizia a caccia di un assassino Trill, il quale è tanto più particolare in quanto è un Trill unito. Per come si evolve il tutto, e sebbene si sappia che l'assassino sia effettivamente Joran, a mio avviso gli autori non sono stati abili nel creare un giallo "con i fiocchi", mancando di disseminare "come si deve" gli indizi che permettano al lettore di "partecipare", in qualche modo, alle indagini.
Nel secondo, viene narrato uno dei successi più eclatanti e ambigui di Curzon Dax, affiancato in quell'occasione da un giovane Benjamin Sisko. Ma, a parte l'elaborazione della vicenda in prima persona, narrata da Sisko (il che, probabilmente, fa perdere un po' l'idea che sia Ezri a parlarne a Vic, non Sisko), anche la struttura di questo racconto mi ha lasciata insoddisfatta: non si riesce a comprendere a pieno tutta la grandezza e la gravità di quanto si sta dipanando di fronte agli occhi del lettore.

Tra i racconti che, invece, ho preferito maggiormente, ci sono quelli legati al pilota Torias Dax e, neanche a dirlo, a Jadzia.
Con Torias, abbiamo narrato il momento in cui l'uomo si prepara per compiere (e poi effettivamente compie, con risultati disastrosi) il test per raggiungere la massima velocità di curvatura teorizzata, ovvero la 10 (il Tenente Paris tenterà un esperimento simile a bordo della Voyager, finendo per trasformarsi in un lucertolone alieno strano).
Con Jadzia, invece, ho trovato molto profonda e interessante la vicenda con la sorella Ziranne: molto ben descritta, che spiega e fa rientrare i tasselli, recuperando anche un personaggio dal passato di DS9, Verad (divenuto per qualche ora Verad Dax).

In conclusione, posso dire che l'antologia si è meritata un punteggio di 7 punti su 10, meritatissimi.

Commenti

  1. Ammetto che di questa serie non sapevo nulla ma resto davvero affascinata dalla produzione di libri e spin off di questa saga, secondo me non ha eguali o sbaglio?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

[Recensione] Full Circle Project (Star Trek: Voyager) - Kirsten Beyer

[Recensione] TREK IT! - La vera storia degli appassionati di Star Trek in Italia

[STAR TREK: DEEP SPACE NINE] IL CERCHIO INFRANTO