[Recensione] Star Trek: The Fall (Star Trek crossover) - AA.VV.

Star Trek – The Fall è una serie composta da cinque romanzi, le cui vicende si collegano a Brinkmanship, l’ultimo romanzo della serie Star Trek – Typhon Pact, e si dipanano nell’arco di una sessantina di giorni, tra l’agosto e l’ottobre del 2385. Tra gli autori dei romanzi, figurano David R. George III, Una McCormack, David Mack, James Swallow e Dayton Ward.

Anche in questo caso, come per la serie alla quale questa si ricollega, tra i protagonisti abbiamo i personaggi ai quali abbiamo avuto modo di affezionarci durante la messa in onda delle puntate di Star Trek, con una sorta di crossover tra The Next Generation, Deep Space Nine e Voyager, con personaggi quali Jean-Luc Picard, William T. Riker, Julian Bashir, Ezri Dax e altri, ai quali si affiancano personaggi creati ex novo, come Christine Vale, Cenn Desca o Lonnoc Kedair.

La serie viene pubblicata tra l’agosto e il dicembre 2013 dalla Pocket Books, ramo della casa editrice Simon&Schuster.

Revelation and Dust (DS9) di David R. George III

Dalla quarta di copertina: Dopo la distruzione della stazione spaziale originale da parte di una fazione ribelle del Typhon Pact, Miles O'Brien e Nog hanno coordinato il Corpo degli Ingegneri della Flotta Stellare nella progettazione e costruzione di una base stellare più grande e più avanzata nel sistema Bajorano. Ora, mentre volti familiari come Benjamin Sisko, Kasidy Yates, Ezri Dax, Odo e Quark arrivano alla nuova stazione, il capitano Ro Laren ospiterà vari capi di stato per un'imponente cerimonia di inaugurazione. I dignitari includono non solo i leader delle potenze alleate - come il Cancelliere Klingon Martok, il Gran Nagus Ferengi Rom, il Castellano Cardassiano e il Primo Ministro bajoriano - ma anche quelli delle potenze rivali, come il Pretore Romulano e l'Imperatore Gorn. Ma mentre l'equipaggio di Ro si prepara ad aprire la nuova base non solo al settore Bajoraiano, il disastro incombe. Una fazione ha già messo in atto un piano scioccante che, se avrà successo, scuoterà i quadranti Alfa e Beta nel profondo.

E che dire di Kira Nerys, dispersa a bordo di un runabout quando il tunnel bajoriano è collassato? Nei due anni trascorsi durante la costruzione della nuova Deep Space 9 non ci sono state indicazioni che il Tempio Celeste, i Profeti o Kira siano sopravvissuti. Ma considerato quanto scoperto, diversi anni prima, dal Capitano Benjamin Sisko in merito all’esistenza non lineare nel tempo degli abitanti del tunnel, cosa sarà mai accaduto, davvero, al Tempio Celeste, ai Profeti… o alla stessa Kira?

The Crimson Shadow (TNG-DS9 - U.S.S. Enterprise) di Una McCormack

Dalla quarta di copertina: Cardassia Prime è la patria di un popolo orgoglioso che, per secoli, ha stretto alleanze con coloro che credevano li avrebbero rafforzati sia a livello di politica interna, che di politica interna, portandoli a una mostrare una maggiore forza nel Quadrante Alfa, e ha espanso il loro impero a caro prezzo per altri mondi. Per generazioni, le voci dissenzienti sono state messe a tacere dalla paura o da una morte prematura. Quando il loro alleato di guerra, il Dominio, si rivoltò improvvisamente contro di loro, cercando di trasformare Cardassia in una tomba per ogni ultimo membro della loro razza, il loro vecchio avversario - la Federazione Unita dei Pianeti - mise fine alla carneficina, e tuttora lavora per aiutare a ricostruire il pianeta.

Per celebrare questa alleanza, il Castellano dell'Unione Cardassiana dà il benvenuto al Presidente della Federazione a Cardassia Prime. Come simbolo di questa amicizia sempre più profonda, la U.S.S. Enterprise-E è incaricata di riportare a casa l'Ambasciatore cardassiano presso la Federazione. Da parte sua, l'Ambasciatore Elim Garak sta lavorando con il Capitano Jean-Luc Picard per supervisionare il ricevimento diplomatico che commemorerà la definitiva partenza degli Ufficiali della Flotta Stellare da Cardassia Prime, permettendo ai Cardassiani di ritornare finalmente a camminare con le proprie gambe. Tuttavia, ci sono forze maligne all'opera, che anche ora si sforzano di "riportare Cardassia al suo giusto posto e alla sua gloria", e sono disposte a fare qualsiasi cosa per raggiungere il loro obiettivo...

A Ceremony of Losses (DS9 - U.S.S. Aventine) di David Mack

Dalla quarta di copertina:

I BISOGNI DI MOLTI

Nonostante gli sforzi eroici di Thirishar Ch'Thane, la specie andoriana si sta dirigendo verso l'estinzione. La sua lenta marcia verso l'oblio ha raggiunto un punto critico, dal quale non ci sarà speranza di ritorno.

I BISOGNI DEI POCHI

Con innumerevoli vite in gioco, i leader di Andor, della Federazione e della potenza conosciuta come Typhon Pact progettano tutti di piegare la crisi per il loro guadagno politico - a qualsiasi prezzo.

I BISOGNI DEL SINGOLO

Non volendo essere un semplice spettatore della tragedia, il dottor Julian Bashir rischia tutto per trovare una cura per gli Andoriani. Ma il suo coraggio avrà un costo terribile: la sua carriera, la sua libertà... e forse la sua vita.

The Poisoned Chalice (TNG - U.S.S. Titan) di James Swallow

Dalla quarta di copertina: Un semplice atto, e i problemi della Federazione Unita dei Pianeti sono diventati più oscuri in poche ore. Il mistero dietro l'atroce attacco terroristico che ha scosso la Federazione nel suo nucleo diventa sempre più profondo, e William T. Riker si trova assediato da voci e mezze verità mentre la U.S.S. Titan viene richiamata sulla Terra dietro espresso ordine del Comandante in Capo della Flotta. Ben presto, Riker si trova coinvolto in un gioco di intrighi politici, testimoniando che alcuni membri della Flotta Stellare vengono trattenuti - comprese persone che considerava amici - in attesa di un'indagine ai più alti livelli. E mentre Riker cerca di navigare nei corridoi del potere, l'ufficiale tattico della Titan, il Comandante Tuvok, riceve una serie di ordini clandestini che lo portano in un mondo grigio di segreti, bugie e operazioni negabili. Di chi ci si può fidare quando la legge tace e la giustizia diventa una ricerca di vendetta? Per l'equipaggio della U.S.S. Titan, la ricerca di risposte diventerà una battaglia per ogni ideale che la Federazione rappresenta...

Peaceable Kingdoms (TNG - U.S.S. Enterprise & U.S.S. Titan) di Dayton Ward

Dalla quarta di copertina: La Federazione Unita dei Pianeti compie i primi speranzosi passi oltre l'incertezza e la tragedia che hanno oscurato i recenti eventi nel Quadrante Alfa. Anche se alcuni elementi dell'alleanza conosciuta come Typhon Pact sono stati implicati in un devastante attacco contro la Federazione, l’Ammiraglio William T. Riker possiede la conoscenza chiave dei veri criminali - una rivelazione che potrebbe minacciare la fragile alleanza Federazione-Cardassiana. Il tempo stringe per arrestare i responsabili del brutale crimine.

Domande e preoccupazioni continuano a crescere anche intorno all'ambizioso bajoriano Ishan Anjar, che ha scalato i ranghi del Consiglio della Federazione mentre usa il recente spargimento di sangue per promuovere un bellicoso programma politico contro l’alleanza avversaria. Riker deve inviare il suo più caro amico, il Capitano Jean-Luc Picard, nel disperato tentativo di scoprire la verità. Ma mentre Picard e l'equipaggio dell'Enterprise inseguono i pochi indizi rimasti, Riker deve agire in base ai crescenti sospetti che qualcuno nella cerchia ristretta di Ishan sia stato in combutta con i criminali fin dall'inizio...

***

Opinione personale. Niente da dire sulla pentalogia di The Fall, che ben si colloca in coda alla serie (precedentemente recensita) di Star Trek: Typhon Pact, anch'essa un crossover tra varie serie di Star Trek (a esclusione, probabilmente, di Star Trek: Enterprise), di cui continua le vicende.

Le vicende narrate, come detto nell'introduzione alla recensione, si dipanano su un arco temporale di una sessantina di giorni, dalla morte del Presidente della Federazione Unita dei Pianeti Nanietta Bacco all'elezione del suo successore, l'Andoriana Kellessar zh'Tarash. Durante i due mesi in esame, vediamo i nostri protagonisti (Jean-Luc Picard e l'Enterprise, William Riker e la Titan, il Dottor Julian Bashir e l'equipaggio di Deep Space Nine e il Cardassiano Garak) combattere contro il tempo per smascherare il vero assassino di Bacco e detronizzare possibili elementi di destabilizzazione non solo all'interno della Federazione e della Flotta Unita dei Pianeti, ma anche all'interno della stessa Unione Cardassiana. Elementi che rischierebbero di favorire le potenze alleate sotto il nome di Typhon Pact e di indebolire irrimediabilmente la Federazione e i propri alleati, firmatari degli Accordi di Khitomer.

Tra verità nascoste, atti estremi e una politica sempre più aggressiva da parte del Presidente pro tempore della Federazione, alcuni degli ufficiali più decorati della Flotta si ritroveranno sul filo del rasoio nel tentativo di salvare non solo ciò in cui credono, ma anche la Federazione stessa, dai propri nemici interni.

La pentalogia, scritta da autori molto conosciuti all'interno dell'universo espanso di Star Trek, è a mio avviso molto ben gestita, rientrante nei canoni di Star Trek e rispettosa sia delle serie TV che dei romanzi precedenti. Ho trovato particolarmente spettacolare il romanzo interamente (o quasi) dedicato all'Unione Cardassiana, ovvero The Crimson Shadow, che vede tra i protagonisti niente meno che Garak, accompagnato su Cardassia Prime dall'ammiraglia della Flotta Stellare. Veramente "tanta roba", per utilizzare un colloquialismo attuale. Davvero molto, molto bello.

Bello, a mio avviso, perché permette di approfondire ulteriormente i Cardassiani, la cui specie è stata una delle principali avversarie della Federazione in Deep Space Nine e di cui abbiamo visto diversi personaggi (alcuni anche piuttosto subdoli), tra i quali Gul Dukat, Damaar e Garak, precedentemente membro dell'Ordine Ossidiano e poi esiliato a rimanere sulla base ora sotto il controllo dei Federali. Ci presentano un mondo, una potenza, spezzata in seguito agli avvenimenti legati proprio alla Guerra del Dominio, aiutata dalla Flotta a ricostruire dalle proprie ceneri. Un mondo pieno di doppiogiochismo, di mezze verità e menzogne, che si ritrova costretto ad affidarsi a uno dei suoi più antichi nemici per ripartire. Eppure, sebbene ci siano delle linee di pensiero non propriamente supportive, il governo cardassiano ha deciso di allearsi alla Federazione, entrando tra i firmatari degli Accordi di Khitomer.

Ovviamente ho apprezzato tutti i romanzi della pentalogia, ma quello mi ha colpita in maniera particolare! Spero di avervi incuriositi e di avervi spinti a leggerli (ma vi devo ricordare che sono, al momento, presenti solo in lingua inglese).


Commenti

  1. Più leggo i tuoi articoli e più mi rammarico per tutto il materie che esiste su star trek e che in Italia non vine tradotto. Sarebbe bello se qualche casa editrice ricominciasse a farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai tempi (probabilmente quelle edizioni hanno la mia età) era la Fanucci a detenere i diritti. Poi ha smesso di proporre traduzioni e i libri in italiano sono diventati una rarità, ormai!

      Elimina
  2. Ho la tua stessa passione per questa saga megagalattica, grazie per condividere tutte queste info! ^_^

    RispondiElimina
  3. Sinceramente non c'è nulla che ami di più, in qualsiasi serie soprattutto quelle ad universo espanso come Star Trek, dei crossover! Fantastici!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

[Recensione] Full Circle Project (Star Trek: Voyager) - Kirsten Beyer

[Recensione] TREK IT! - La vera storia degli appassionati di Star Trek in Italia

[STAR TREK: DEEP SPACE NINE] IL CERCHIO INFRANTO